ROMANZI 2.0

18 dicembre 2014

IL CASTELLO, di Franz Kafka

Filed under: Mabel Bodi — artistico Buniva @ 01:02
Tags: ,

Kafka in questo libro ci porta in continuazione fuori dalla realtà, quasi in un mondo dell’assurdo. L’interminabile ricerca da parte di K. di arrivare al castello, diventa stancante, sembra di essere in un sogno, o quasi un incubo, da cui non si riesce ad uscire. Anche quando il libro finisce si rimane insoddisfatti, in sospeso per la mancanza di una conclusione e di una soluzione alle domande che ci si fa durante la lettura. L’incomunicabilità tra il castello ed il villaggio nel quale il protagonista si trova, lo rende un emarginato, escluso da un ambiente a cui non è concesso arrivare e che eppure continua ad attirare dando apparenti speranze. K. continua a lottare per integrarsi ma ogni volta che sembra fare un passo avanti, ecco che viene riportato indietro.

Mabel Bodi

Annunci

29 dicembre 2013

IL CASTELLO, di Franz Kafka

Filed under: Alessia Bauducco — artistico Buniva @ 22:09
Tags: ,

K. è un agrimensore che arriva in un villaggio sovrastato da un castello, in seguito ad una richiesta di lavoro. Nel maniero vengono stabilite tutte le leggi assurde che gli abitanti devono rispettare, senza capirle e soprattutto senza opporsi. Durante tutto il racconto K. cerca di mettersi in contatto con i gerarchi che abitano nel castello, anche attraverso Frieda, una cameriera di cui si innamora e che ha dei contatti con un funzionario, ma non ottiene nessun risultato; la frustrazione alla quale è sottoposto e l’impotenza dell’uomo di fronte a cose che non hanno una logica portano il protagonista verso una fine che non ha senso. Questo lascia il lettore con un interrogativo che si può interpretare in modi diversi: ognuno può scrivere una fine a seconda dei propri pensieri.

Un libro veramente complicato da leggere:  si cerca sempre nella pagina successiva una soluzione, una logica che non si trova, e lascia perplessi nell’interpretazione. E’ un romanzo che non consiglierei a molte persone, l’ho trovato davvero molto complesso e spesso anche monotono.

                                                                                                          Alessia Bauducco

9 gennaio 2010

IL CASTELLO, di Franz Kafka

Filed under: Federica Finizio — artistico Buniva @ 17:27
Tags: ,

Un agricoltore vuole completare la sua missione; quasi come ogni persona che vuole concludere i propri obiettivi e/o i proprio progetti.

K., l’agricoltore, si trova in un villaggio con un castello abitato da un Conte. K. vuole raggiungere il suo obiettivo:  poter lavorare in quelle terre. Sfortunatamente trova davanti a sé tante difficolta che gli impediscono di poter lavorare in quelle terre, quasi da voler isolare il castello da non aver contatti con le persone al di fuori.
K. oviamente si abbatte perchè non trova un modo per realizzare il suo progetto, infatti cerca appoggio in qualsiasi cosa. Finalmente riceve un gesto positivo da una ragazza di nome Friede che, in seguito, lo allontana. Nonostante abbia ricevuto una batosta da parte della ragazza, per puro caso, in un albergo, incontra dei personaggi appartenenti al castello. Uno di loro decide di aiutarlo, ma K. si addormenta e…

Kafka l’ho trovato molto complicato da leggere, con una storia che, fosse scritta con parole un po’ più semplici, appassionerebbe di più.
Un obiettivo da raggiungere, da conquistare, pieno di ostacoli, che se fosse capitato a me, mi sarei demoralizzata fin troppo.

Federica Finizio

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.