ROMANZI 2.0

15 dicembre 2016

I PROMESSI SPOSI, di Alessandro Manzoni

Filed under: Andrea Papale — artistico Buniva @ 12:16
Tags: ,

I Promessi Sposi è indubbiamente uno tra i romanzi italiani più conosciuti e  studiati di tutti i tempi. Leggerlo per me è stato quasi come un viaggio nel tempo addietro di molti secoli. Lo scrittore infatti ci parla del ‘600 (che è appunto il periodo del romanzo) usando molta accuratezza , parlando anche di usi e costumi del tempo. Ci mette molta umanità raccontando di tragedie, carestie e peste. Manzoni non parla solo di storia ma anche di amore, intrighi, redenzione e altro. La trama si incentra sul tentativo di far sposare i due protagonisti, Renzo e Lucia (che sono i promessi sposi che danno nome al libro). Ma una serie di sfortunati eventi li terrà separati per molto tempo e si rincontreranno solo alla fine del libro. Molti pensano che sia l’amore tra Renzo e Lucia il tema principale del romanzo, ma lo scopo dell’autore è di trasmettere qualcosa che solo leggendo bene il romanzo possiamo capire: l’amore verso gli altri, l’amore per ciò che è giusto, la carità e l’ingiustizia della povertà, della corruzione, della codardia, della guerra. Ciò che mi ha più colpito dello stile di Manzoni è la sua grande umanità: nel suo romanzo ci fa capire chiaramente che anche colui che ha commesso molti peccati nella sua vita può ritrovare la strada verso la luce grazie alla redenzione come l’Innominato oppure Fra Cristoforo.

Manzoni scrive con molta maestria: si capisce molto dalle descrizioni storiche che è uno che ha studiato molto, ma secondo me in molte parti del romanzo si sofferma troppo facendo delle “pause di riflessione” su argomenti che si allontano dalla trama; alcuni dialoghi tra i personaggi sono noiosi; è seccante dover saper la storia di ogni singolo personaggio.
Sono molte le pagine con cui parla di certi argomenti, importanti dal punto di vista storico ma che ci allontanano da ciò che accade ai personaggi principali.
Un libro per me deve parlare del contesto generale ma senza esagerare e deve incentrarsi sulla trama principale. Riassumendo, questo è un libro che deve essere  letto almeno una volta nella vita, perché è un pezzo di storia della letteratura e per i valori che ci trasmette, ma per i giovani può essere poco scorrevole per queste “pause di riflessione” che l’autore ci propone.

Andrea Papale

18 dicembre 2014

I PROMESSI SPOSI, di Alessandro Manzoni

Filed under: Valentina Tortone — artistico Buniva @ 12:16
Tags: ,

In questo romanzo del primo Ottocento, Manzoni si rivolge non solo alla casta chiusa dei letterati, ma a un pubblico più vasto poiché attraverso il linguaggio, suscita facilmente interesse nel lettore comune. Offre un quadro completo, ricostruendo la mentalità, le condizioni di vita, i rapporti economici e sociali del periodo in questione. Si esprime con piena libertà, eleggendo a protagonisti due semplici popolani della campagna lombarda, Renzo Tramaglino e Lucia Mondella, rappresentando le loro vicende e definendo per ogni personaggio un carattere unico ed inconfondibile. Nonostante i personaggi siano d’invenzione, il Manzoni vuole farci credere che essi appartengano ad una storia vera scoperta da poco. La vicenda narrata viene descritta in modo semplice, come se fosse l’esperienza quotidiana della gente comune. Questo romanzo può farci riflettere sull’impegno e la determinazione di portare a termine un matrimonio che verrà ostacolato da vari personaggi per diversi motivi sin dall’inizio.

 Valentina Tortone

 

26 dicembre 2013

I PROMESSI SPOSI, di Alessandro Manzoni

Filed under: Matteo Prola — artistico Buniva @ 17:43
Tags: ,

Questo romanzo è ambientato nell’ Italia del 1600  tra Milano e le rive del lago di Como. Per gli Italiani non è un bel periodo, perché cercano di vivere combattendo la povertà e il micidiale virus che non stava risparmiando nessuno: la peste. Il romanzo racconta una fortissima storia d’amore tra due giovani, Renzo e Lucia che cercano di coronare il loro amore con il matrimonio. Questo matrimonio pur troppo è ostacolato da un potente signore, Don Rodrigo che s’ invaghisce anche lui della bella Lucia tanto da rapirla e portarla da un personaggio che si rivelerà abbastanza misterioso: l’Innominato. Purtroppo aveva ragione Don Abbondio nel dire: “Questo matrimonio non sa da fare”. Il giovane Renzo dunque parte per un viaggio che lo vedrà protagonista in parecchie avventure, fino ad arrivare a Milano dove finalmente reincontra Lucia giurandogli amore eterno e alla fine sposandola.

L’ho trovato abbastanza pesante anche se c’è da dire che Manzoni ha fatto un capolavoro soprattutto con le spettacolari descrizioni.

Matteo Prola

22 dicembre 2013

I PROMESSI SPOSI, di Alessandro Manzoni

Filed under: Edoardo Raviol — artistico Buniva @ 20:29
Tags: ,

“I Promessi Sposi” è un romanzo di Alessandro Manzoni che narra della difficile storia d’amore fra due giovani, compromessa da una lunga serie di sventure. Questo romanzo è scritto con un linguaggio semplice e chiaro: infatti il Manzoni è considerato uno dei promotori della letteratura italiana popolare.
I protagonisti del romanzo non sono dei cavalieri, dei principi o delle  figure importanti della società ma sono dei semplici proletari, e questa è un altra delle caratteristiche che dovrebbe avvicinare il romanzo anche a persone non di ceti elevati. Nel romanzo il Manzoni attribuisce un significato particolare alla “provvidenza” e quasi si puo dire che la provvidenza segua e protegga i protagonisti per tutta la storia, risolvendo tutti i problemi che si propongono sulla loro strada. L’autore racchiude nel personaggio di Lucia l’idea della tipica ragazza cattolica che affronta ogni problema secondo una morale religiosa .
Il romanzo è ambientato nel ‘600 e enfatizza le varie classi sociali: mette in evidenza la prepotenza dei potenti che opprimono i più deboli; Questo ci può fare riflettere sulla società del tempo, ma forse si sta riproponendo tuttora.

Non mi è piaciuto perchè non mi piace il genere ma risulterei un eretico se dicessi che non è un buon romanzo. Una delle cose che non mi sono piaciute sono le molte digressioni: il Manzoni in certi punti del romanzo divaga, raccontando cose che sono al di fuori del romanzo. Lo consiglierei a chi piace il genere storico: nonostante sia un romanzo che non ha finalità didattiche è possibile imparare molte cose sulla storia dell’epoca  tramite le varie divagazioni del Manzoni.

Edoardo Raviol

5 novembre 2013

I PROMESSI SPOSI, di Alessandro Manzoni

Filed under: Giorgia Pisano — artistico Buniva @ 23:33
Tags: ,

La storia è ambientata in un contesto storico ben lontano e diverso non solo dal nostro, ma anche da quello in cui visse Manzoni. Egli scelse quel periodo per mettere in risalto il conflitto sociale ed economico tra ricchi e poveri, non solo di quell’epoca. Inoltre, la peste che era diffusa durante quegli anni, era simbolo di fragilità degli uomini, ma anche della giustizia divina contro di essi; i buoni invece, ottengono ciò che era loro dovuto dalle circostanze, guidate da una mano superiore, quella di Dio. Secondo Manzoni, l’uomo appare debole di fronte alla divinità. Di fronte al male del mondo, l’unica soluzione è appunto Dio, a cui prestava fede Lucia, che era una donna debole ed umile. In questo romanzo, Manzoni, sceglie di far interagire vari personaggi, alcuni veri e altri inventati da lui. Inoltre, il linguaggio utilizzato dall’autore è semplice e delicato, comprensibile da tutti.

 Giorgia Pisano

1 novembre 2013

I PROMESSI SPOSI, di Alessandro Manzoni

Filed under: Sara Otranto — artistico Buniva @ 01:06
Tags: ,

In questo romanzo si parla della storia d’amore di due ragazzi, Renzo e Lucia. Una storia d’amore forte che non ha confini, ostacolata da tutti e che non riesce a coronarsi nel matrimonio.
Nel romanzo quasi tutti i personaggi sono contro di loro (solo pochi li aiutano) e cercano di impedire le loro nozze. Ma i due non si arrendono e lottano per raggiungere il loro scopo.
Leggendo questo libro non ho pensato a due innamorati comuni, ma a due amanti, perché anche gli amanti sono ostacolati in qualche modo e di conseguenza il loro amore è più forte e intrigante e ti porta a fare di tutto pur di raggiungere il tuo amato/a. Io invidio molto Renzo e Lucia, perché una storia come la loro non succede spesso nella vita di tutti i giorni: oggi noi tendiamo a fuggire dall’amore senza neanche aver provato ad affrontarlo.
Per me questo libro è stato molto impegnativo però mi è piaciuto parecchio e consiglio di leggerlo perché non è per niente noioso.

Sara Otranto

15 aprile 2009

I PROMESSI SPOSI, di Alessandro Manzoni

Filed under: Sara Romagnoli — artistico Buniva @ 22:55
Tags: ,

“I promessi sposi” è un romanzo che parla di due innamorati che vengono divisi da un succedersi di sfortunati avvenimenti.
La storia è ambiantata vicino al lago di Como. Tutto inizia con una serie di avversità facendo sì che il matrimonio tra Renzo e Lucia salti, poichè il principale dei problemi è che non si può celebrare un matrimonio senza sposa. Lucia viene rapita da don Rodrigo e da qui le loro strade si dividono.
Renzo nel suo cammino viene coinvolto in molte scene di tumulti per la scarsità di cibo a causa della peste che era giunta anche a Milano.
Lucia nel corso del romanzo si ammala così viene portata al lazzaretto dove per una strana coincidenza reincontra Renzo, che le promette di non lasciarla più.
Come in tutte le storie d’amore, tutto finisce a lieto fine: i due si sposano nonostante tutte le peripezie che Manzoni gli fa passare.

Devo esser sincera il libro è lungo da morire, davvero pensavo non finisse più, daltronde non è un vero e proprio romanzo da lettura quotidiana.
Mi è parso molto dettagliato tanto da far durare la descrizione di una collina 4 pagine. La storia mi è piaciuta, ma non consiglio di leggerlo a nessuno a  meno che non sia un lettore sfrenato. Guardatevi il film, piuttosto.

Uno dei libri più famosi di questo tempo che tratta egualmente sentimenti e storia che sono accostati splendidamente: pare che le parole stiano insieme da sole.

Sara Romagnoli

14 marzo 2009

I PROMESSI SPOSI, di Alessandro Manzoni

Filed under: Sara Romagnoli — artistico Buniva @ 19:36
Tags: ,

I Promessi Sposi è un romanzo che parla di due innamorati che vengono divisi da una serie di avvenimenti. La storia è ambientata nei pressi del Lago di Como; a causa di alcune situazioni sfavorevoli il matrimonio tra Renzo e Lucia salta, poiché lei viene rapita facendo sì che le loro stade si dividano.

Renzo viene coinvolto più volte nel corso della storia in scene di tumulti della folla; uno dei più movimentati secondo me è quello per la scarsità del pane a causa della peste. Renzo per fortuna non prende la peste, ma Lucia essendo contagiata viene mandata nel lazzaretto, dove si riconcilia con il suo amato e decidono di celebrare le tanto attese nozze.

Nel romanzo si vede la combinazione che Manzoni fa tra l’elemento storico e quello di fantasia, anche se in teoria quello storico non è realmente accaduto in quel modo poiché ha trovato il modo di fingere la vicenda facendola derivare da un antico storico anonimo.

Il romanzo fin dalla prima lettura esprime un senso di quiete ma anche di angoscia e l’autore secondo me vuole trasmettere e attribuire i suoi pensieri alla protagonista; è uno studio attento del comportamento umano.

Sara Romagnoli

13 marzo 2009

I PROMESSI SPOSI, di Alessandro Manzoni

Filed under: Luca Valentino — artistico Buniva @ 11:33
Tags: ,

I Promessi Sposi è forse il più famoso tra i romanzi classici italiani; narra la storia di Renzo e Lucia e del loro tribolato matrimonio che dopo intralci e ripensamenti viene felicemente celebrato.

Il romanzo viene collocato dal Manzoni nel seicento, periodo del quale ha una profonda conoscenza sia dei fatti storici che etica; la sua approfondita conoscenza ci viene trasmessa dalla perfezione dell’ambientazione seicentesca e dalle sfaccettature dei vari personaggi.
Un elemento fondamentale è sicuramente la Provvidenza, che agisce come un alone di buonismo in tutto il racconto, segno evidente della fede di Manzoni, il che rende l’epilogo ovvio e scontato.
Un aspetto positivo è la profondità dei personaggi i quali hanno un diverso grado di morale e di fede; il personaggio che più di tutti ha ricevuto la mia stima è sicuramente padre Cristoforo: guida spirituale di Lucia, dotato di una fede sconfinata che non sopporta alcuna sorta di ingiustizia e non si risparmia per affrontarla; d’altro canto il più odiato tra i personaggi è Don Abbondio, il quale si fa manipolare, spinto dalla paura delle conseguenze, andando però contro i doveri che implica il suo ruolo di curato. È un uomo meschino, che in definitiva pensa esclusivamente alla sua incolumità, mosso dalla paura e senza preoccuparsi di fare la giusta scelta morale.

Luca Valentino

29 gennaio 2009

I PROMESSI SPOSI, di Alessandro Manzoni

Filed under: Marta Piccato — artistico Buniva @ 00:49
Tags: ,

L’Italia del 1600.
Un amore che non riesce ad esprimersi al meglio, che non viene celebrato.
L’impedimento di un matrimonio, la divisione dei due protagonisti: Lucia, rapita dal “cattivo” della storia, don Rodrigo, infatuato della ragazza, e Renzo partito per Milano a chiedere giustizia.
L’ arrivo della peste colpirà i due innamorati e li farà ritrovare al lazzaretto a Milano.
Una storia sofferta, un’avventura intrecciata per i due innamorati che sembra non finire mai.
Quando ho letto questo libro ho capito l’ingiustizia nel pensare ai motivi che impedivano il matrimonio tra Renzo e Lucia. Un senso di sollievo mi è giunto quando, finalmente, i due protagonisti sono riusciti ad incontrarsi dopo varie difficoltà.
Sicuramente è un libro impegnativo ma penso che prima o poi tutti dovrebbero leggerlo.

Marta Piccato

27 gennaio 2009

I PROMESSI SPOSI, Alessandro Manzoni

Filed under: Caterina Colaci — artistico Buniva @ 22:29
Tags: ,

In questo romanzo Manzoni inserisce molti personaggi importanti, ma i protagonisti principali sono due giovani innamorati, Renzo e Lucia. Tutto il racconto è concentrato sulla loro travagliata storia d’amore; infatti, Manzoni racconta della loro divisione, dei loro problemi, legati anche agli altri personaggi, e infine, del loro matrimonio.

Ma quella raccontata dal Manzoni non è una semplice storia d’amore, poiché egli parla anche della morte, causata dalla carestia e dalla peste. Parla della lotta tra il bene e il male, in questo caso caratterizzata dalla presenza di  un nobile, Don Rodrigo, che pensava di poter comandare anche sui sentimenti di Lucia, facendola sposare con lui piuttosto che con Renzo.

E’ un romanzo basato molto sulla visione cristiana; infatti, è molto presente la divina Provvidenza che mette a posto ogni cosa. La grande bontà di Dio fa sì che egli si preoccupi anche dei malvagi, oltre che dei buoni.

Un altro aspetto molto importante di questo romanzo è la classe sociale dei personaggi principali: infatti i due giovani non appartengono a classi superiori, bensì a ceti popolari. Ciò significa che Manzoni dava molta importanza anche alle persone meno abbienti.

Infine, il Manzoni parla molto della folla descrivendone i comportamenti rumoreggianti, a volte folli, poco furbi e giudiziosi, principalmente a causa della carestia e della fame.

Caterina Colaci

 

19 novembre 2008

I PROMESSI SPOSI, di Alessandro Manzoni

Filed under: Ivan Siondino — artistico Buniva @ 11:01
Tags: ,

Questo romanzo tratta di una storia d’amore. Ha come personaggi principali due persone di estrazione sociale popolare: Renzo e Lucia. Questi , in ogni occasione, trasmettono l’amore che provano l’uno per l’altra.

La storia è ambientata in Lombardia tra il 1628 e il 1630, al tempo della dominazione spagnola. Don Abbondio, il parroco del piccolo paese sul lago di Como in cui abitano i protagonisti, viene minacciato affinché non celebri il loro matrimonio.  Lucia, braccata dagli uomini di Don Rodrigo che la vuole in sposa, prometterà alla Madonna che se si fosse salvata non avrebbe più sposato Renzo. Costretta a fuggire insieme alla madre, con l’aiuto di frate Cristoforo troverà rifugio in un convento a Monza. Renzo, per cercare Lucia entrerà nella Milano infestata dalla peste, in cui contrarrà la malattia.

Ivan Siondino

Blog su WordPress.com.