ROMANZI 2.0

22 dicembre 2014

EMMA, di Jane Austen

Filed under: Giulia Pilone — artistico Buniva @ 02:28
Tags: ,

Il romanzo si svolge in Inghilterra, e racconta la storia di Emma, una ragazza appartenente a una famiglia ricca, che sfortunatamente perse la madre molto presto. Ma questo vuoto viene colmato da Miss Taylor, governante della casa e persona molto legata a Emma. L’ordine nella casa e nella vita di Emma, viene sconvolto dopo il matrimonio di Miss Taylor, combinato da Emma stessa, che si sentiva particolarmente brava ad accoppiare persone di sua conoscenza. Dopo il primo matrimonio riuscito, Emma decide di combinare altri matrimoni, accecata dalla propria autostima e dalla propria ostinazione. Ricercando sempre l’amore per gli altri e cercando di rendere felice tutti non si accorge di avere sotto gli occhi il suo vero amore e la sua felicità. Dopo un susseguirsi di vicende, Emma crea anche qualche falsa aspettativa e qualche delusione alle persone da lei coinvolte, ma solo così riuscirà a capire i propri limiti e i propri sbagli.

Giulia Pilone

Annunci

2 febbraio 2014

EMMA, di Jane Austen

Filed under: Beatrice Proietti — artistico Buniva @ 00:39
Tags: ,

La vicenda è ambientata in una cittadina Inglese apparentemente tranquilla. La protagonista è Emma, una ventenne bella, elegante e vivace. Ad aggiungere importanza alla sua personalità vi è l’ampia fortuna in suo possesso. Grazie alla sua ricchezza Emma è fermamente convinta di non sposarsi mai, ma le piace combinare incontri e matrimoni: dopo il successo del matrimonio della sua governante Miss Taylor vuole combinarne al più presto un altro. Le sue aspettative vengono soddisfatte dall’arrivo di Harriet, una giovane ragazza senza famiglia: le due legano sin da subito e cerca di far sposare Harriet con Mr. Elton che si rivela un arrampicatore sociale.
Nessun uomo tra quelli che incontra appariva ad Emma come “l’uomo della sua vita”:  non aveva mai capito di chi fosse in realtà innamorata, e la scoperta è stata insospettabile: sembrava che non si sopportassero.

Questo libro non mi ha appassionato sin da subito, anzi lo trovavo noioso poiché era ricco di descrizioni dei personaggi, ma si è dimostrato un libro stupendo, ricco di colpi di scena.

Beatrice Proietti

EMMA, di Jane Austen

Filed under: Violetta Ferrucci — artistico Buniva @ 00:28
Tags: ,

Siamo in Inghilterra, dove vivono Emma, una ragazza molto ricca, insieme al padre il signor Woodhouse. Emma avendo fatto conoscere alla sua governante, la signorina Taylor, quello che sarà il suo futuro marito, decide di combinare un altro matrimonio: quello tra la sua amica Harriet Smith e Mr. Elton. Il suo amico Mr. Knightley cerca in tutti  i modi di farle cambiare idea. Purtroppo il suo piano non funziona perchè Mr. Elton vuole sposare Emma e non Harriet. In città arriverà poi un giovane di nome Frank Churchill di cui Emma si sforzerà di innamorarsi perché la maggior parte dei conoscenti sostengono che siano perfetti insieme. Successivamente riconosce di non essere innamorata di Churchill e decide di farlo fidanzare con Harriet. Si scopre che Frank è già fidanzato da un anno con Jane: a questa rivelazione Emma si sente tradita nell’orgoglio. Infine Emma si sposa con Mr. Knightley e Harriet con Mr. Martin.

Questo romanzo mi è piaciuto nonostante  la lettura all’inizio mi sia sembrata molto lenta e quasi noiosa, ma proseguendo ho notato che la vicenda si faceva interessante, soprattutto perché la vita di ognuno di questi personaggi si stava intrecciando con la vita di qualcun’altro. L’idea di questa ragazza di far innamorare e fidanzare queste persone anima questo romanzo e riesce a cambiare in qualche modo il loro futuro, rendendole felici accanto alle persone che amano.

Violetta Ferrucci

29 dicembre 2013

EMMA, di Jane Austen

Filed under: Francesca Toppino — artistico Buniva @ 22:00
Tags: ,

La storia narra le vicende avvenute in una cittadina inglese. Nel corso del racconto, la protagonista Emma affronta delle situazioni che la fanno maturare: all’inizio del libro  è una ragazza piena di pregiudizi, soddisfatta dal fatto che aveva una spiccata sensibilità nel riconoscere la compatibilità tra due persone, e convinta di non sposarsi mai per restare vicina a suo padre. Alla fine capisce che l’apparenza inganna e che anche lei può sbagliare. Ma soprattutto si rende conto che l’affetto nei riguardi delle persone più vicine a lei e a suo padre è più grande di quanto non si sarebbe aspettata, riuscendo a trovare la felicità sia per lei che per i suoi cari.
Questo libro è ricco di colpi di scena, e fa capire al lettore che anche in una cittadina tranquilla come quella possono accadere delle situazioni che animano la vita della società, cambiando il futuro di alcune persone; ma fa capire soprattutto che non si finisce mai di conoscere le persone fino in fondo, e che possono sempre stupirti.

Francesca Toppino

26 dicembre 2013

EMMA, di Jane Austen

Filed under: Jennifer Conrad — artistico Buniva @ 16:22
Tags: ,

Leggendo il romanzo si comprende come Emma sia un po’ il ritratto della scrittrice stessa e il libro, più che la storia della vita di una ragazza ricca, vuole essere la storia del suo progresso verso la maturità. A poche pagine dall’inizio della lettura ci si rende conto che Emma è una piccola ereditiera un po’ viziata, ma è anche allegra, intelligente, piena di vita, attenta agli altri e pronta a cercare sempre il sistema migliore per rimediare. A differenza di molte protagoniste femminili, Emma afferma di non volersi sposare, ma cerca in alternativa di organizzare buoni matrimoni per gli amici, rivelandosi pronta però a cambiare idea quando si rende conto che con il suo comportamento rischia non solo di perdere l’uomo che ama, ma anche di rovinare la felicità delle persone a cui tiene.

Considerato il periodo storico in cui è stato scritto, alcuni concetti possono sembrare troppo distanti dal pensiero moderno, ma se si riflette, ci si rende conto che il mondo che la Austen illustra con tanta sicurezza è comunque contemporaneo. Il romanzo descrive in modo talmente accurato la città di Highbury, con le sue strade, con le sue case, i suoi abitanti ed i loro caratteri ben precisi e marcati, che sembra di conoscerli davvero; leggendo si ha la sensazione di far parte del libro e automaticamente ci si trova dentro la storia. 

Jennifer Conrad

22 dicembre 2013

EMMA, di Jane Austen

Filed under: Mabel Bodi — artistico Buniva @ 16:21
Tags: ,

Immaginate un’epoca parecchio lontana dalla nostra, con modi di fare e di pensare, usi e costumi diversi da quelli che conosciamo oggi. Immaginate un tempo in cui non esisteva il telefono e tutte le comunicazioni avvenivano a voce o per lettera. In cui per spostarsi si camminava, e solo se si aveva la possibilità si andava a cavallo o in carrozza. Un tempo che per certi aspetti non è così lontano dalle nostre abitudini: immaginate ragazze e ragazzi che passavano intere notti a ballare con lo scopo di divertirsi e conoscere nuova gente. Un paesino nella campagna inglese dove per passare il tempo ci si dedicava a passeggiate e lunghe riflessioni, discorsi e pettegolezzi, libri, musica e naturalmente, corteggiamenti e matrimoni.
Emma è la protagonista di questo romanzo, e la sua situazione iniziale è tutt’altro che sfavorevole, ma tutto cambierà a causa di un malinteso che la porterà a crescere e a conoscere se stessa.
E’  interessante ‘entrare’ nel modo di pensare di quell’epoca: ogni volta che leggo un romanzo di Jane Austen ho l’impressione che riflettessero molto di più di quanto facciamo noi oggi. Ogni avvenimento, anche il più banale, meritava una giusta riflessione. Nei suoi romanzi, ogni cosa ha il suo tempo, il quale sembra scorrere lentamente, portando in conclusione ad un meritato lieto fine.

Mabel Bodi

EMMA, di Jane Austen

Filed under: Silvia Cavallaro — artistico Buniva @ 16:07
Tags: ,

Forse la prima domanda che ci si domanda entrando tra le righe di questo romanzo è proprio: chi è Emma?
Emma si potrebbe definire già una donna sotto vari aspetti. Vive i suoi 20 anni tranquillamente, perde la mamma in età molto giovane, ma nonostante ciò ritrova quella maternità e quell’affetto necessari, soprattutto amichevoli, in Miss Taylor, l’istitutrice.
Emma, da giovane aristocratica, sembra vivere una vita prima di delusioni, cresciuta con l’autostima sempre alle stelle, ma qualcosa dovrà succedere per mettere un punto a questo eccesso, a questa voglia di fare sempre tutto di testa sua. Forse a questo bisogno di “sbattere la testa” risponde proprio il matrimonio di Miss Taylor, diventata Mrs. Weston. Si ritrova così sola col padre, un uomo dai nervi fragili. Knightley, vicino e cognato della sorella di Emma, è l’unico a trovare difetti nella ragazza. Lei continua a vantarsi di aver previsto e approvato con piacere il matrimonio dell’istitutrice, nonostante le abbia lasciato un vuoto. Con che cosa o con chi colmerà questo vuoto adesso?
Comincia una corsa per Emma: la sua intenzione è combinare matrimoni, di qua e di la. Ma c’è un lato negativo anche in questo: inizia a dare per scontate relazioni che non potranno mai andare a buon fine, ma lei ci crede, probabilmente in maniera ingenua e non se ne rende conto. Immergendosi completamente in vicende amorose che crea, si imbatte in quella unicamente sua, il suo vero amore.
Successivamente entra Harriet nella sua vita, una ragazza semplice per la quale Emma non esita a decidere di volerle trovare marito, come suo solito. Da qui si imbatterà in ulteriori storie particolarmente incastrate!
Jane Austen in questo romanzo mette in contrapposizione l’apparenza di Emma, ovvero ciò che può sembrare a primo impatto, con la realtà del suo carattere che mostra solo nel corso delle pagine, riga dopo riga.

Silvia Cavallaro

2 novembre 2013

EMMA, di Jane Austen

Filed under: Noemi Polliotto — artistico Buniva @ 18:31
Tags: ,

Il romanzo narra la storia di una ragazza ventenne descritta da Jane Austen come una giovane donna intelligente, bella e ricca, orfana di madre e figlia di un padre benestante. Ho trovato questo romanzo veramente piacevole e scorrevole, ricco di dialoghi e descrizioni dei vari personaggi.
Il romanzo ha come sfondo le vicende amorose dei vari personaggi che Emma cerca di favorire, volendo comunque rimanere indipendente finché però troverà, suo malgrado, il suo vero amore.
La protagonista non si cura delle critiche, tanto che supera la differenza tra le diverse classi sociali; infatti, nonostante provenga da una famiglia benestante, instaura una forte amicizia con Herriet, una ragazza di umili origini.

Noemi Polliotto

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.