ROMANZI 2.0

18 dicembre 2014

SENILITÀ, di Italo Svevo

Filed under: Elsa Nierop — artistico Buniva @ 00:50
Tags: ,

Il protagonista del romanzo è Emilio Brentani, uomo immaturo e senza successo. L’unica cosa che lo farà stare meglio è il romanzo scritto in precedenza, che però avrà poco successo. Emilio andrà a vivere con la sorella Amalia, che gli farà da madre. Il centro del romanzo è la storia d’amore tra Emilio e Angiolina. Grazie a questa storia d’amore Emilio riesce a far migliorare la sua vita, mentre Angiolina non è seriamente innamorata di lui. Il migliore amico di Emilio, Stefano Balli si presenta come un uomo deciso e forte, che fa innamorare tutte le donne e anche Angiolina.
Stefano proverà a convincere Emilio a lasciare perdere Angiolina ma Emilio ascolterà solo sè stesso.
Il romanzo è scritto in terza persona con la presenza di un narratore molto utile per trasmettere le emozioni e sensazioni del protagonista. Un altra cosa particolare di “Senilità” è l’auto-critica dell’autore nei confronti del protagonista. Angiolina si presenta come un personaggio bugiardo e approffittatore, Emilio come un uomo solo e insicuro che per consolarsi si perde nei ricordi delle donne della sua vita Amalia e Angiolina; Stefano si presenta invece come un personaggio sicuro di sé stesso e amato dalle donne, completamente il contrario di Emilio.

Elsa Nierop

Annunci

9 febbraio 2014

GITA AL FARO, di Virginia Woolf

Filed under: Elsa Nierop — artistico Buniva @ 22:06
Tags: ,

“Gita al Faro” è stato pubblicato nel 1927; è considerato uno dei più importanti romanzi del Novecento. E’ ambientato nella casa di villeggiatura della famiglia Ramsay, nelle isole Ebridi, sempre piena di amici tra cui la pittrice Lily Briscoe e il botanico William Bankes. L’ autentica protagonista del libro è la signora Ramsey che fin da subito si prende cura della sua famiglia; infatti cerca sempre di far felice suo figlio James  promettendogli una gita al faro. Il signor Ramsay invece si presenta come un uomo egoista ed altruista e al contrario della moglie si rifiuta di portare James al faro per via del maltempo. Il rifiuto scatenerà nel bambino un senso di odio verso il padre e una reazione quasi omicida. Dieci anni dopo verrà fatta la gita al faro ma durante il tempo molte cose sono cambiate.

Grazie alla grande varietà dei personaggi Virginia Woolf è in grado di paragonare i diversi caratteri e pensieri riuscendo a far provare a ogni personaggio due sensazioni diverse contemporaneamente. Dato che il romanzo è scritto in terza persona non sono presenti molti dialoghi. E’ diviso in tre parti per suddividere il tempo in passato, presente e futuro. Inoltre nel romanzo i dieci anni di attesa della gita al faro vengono narrati come se fosse passato un giorno solo; infatti Lily Briscoe finirà il ritratto della signora Ramsey iniziato dieci anni prima mentre il signor Ramsey arriverà al faro, come se volesse rimarcare che il tempo dell’attesa e del ricordo non ha nulla a che fare con i lutti o le sofferenze.

Elsa Nierop

2 gennaio 2014

ORGOGLIO E PREGIUDIZIO, di Jane Austen

Filed under: Elsa Nierop — artistico Buniva @ 00:03
Tags: ,

La vicenda raccontata da Jane Austen è ambientata nella campagna inglese negli ultimi anni del 1700. Nel romanzo si parla della vita monotona della famiglia Bennet, composta dalla signora e dal signor Bennet e dalle loro cinque figlie : Jane, Elisabeth, Mary, Kitty e Lydia: tutte ragazze da marito.
La monotonia dell’esistenza della famiglia Bennet viene interrotta dall’arrivo del signor Darcy, uomo molto ricco, da cui tutte le figlie sono affascinate. Il signor Darcy ed Elisabeth diventeranno i personaggi principali del romanzo dato che fra loro nascerà una storia d’amore.

Come si può dedurre dal titolo nel libro si parla anche dell’orgoglio e del pregiudizio che Jane Austen ha deciso di personificare all’interno dei due personaggi principali. Infatti Elisabeth ha molti pregiudizi nei confronti del signor Darcy; d’altro canto il signor Darcy invece è molto orgoglioso di se stesso. Queste caratteristiche li porteranno a scontrarsi molte volte, mentre alla fine del romanzo si uniranno, proprio come il loro sentimenti.

Elsa Nierop

26 dicembre 2013

IL GIARDINO DEI FINZI CONTINI, di Giorgio Bassani

Filed under: Elsa Nierop — artistico Buniva @ 16:32
Tags: ,

La visita alla necropoli etrusca di Cerventeri suscita nell’autore una riflessione tra la vita e la morte, tra passato e presente. Queste riflessioni lo portano indietro nel tempo  al cimitero ebraico di Ferrara, alla tomba monumentale di uno dei membri della famiglia  Finzi-Contini conosciuto personalmente  da Giorgio Bassani prima della seconda guerra mondiale.  La storia è infatti  ambientata nel periodo del fascismo e delle leggi razziali, che portarono l’esclusione dei giovani ebrei dalle scuole pubbliche e da tutti i tipi di associazioni.   Per questo motivo la famiglia  dei Finzi-Contini mise a disposizione il proprio giardino ai figli Alberto e Micol ed ai loro coetanei. Fra questo gruppo di ragazzi c’è anche il narratore, affascinato dal luogo e dalla bella Micol. Nonostante il romanzo sia scritto in prima persona dal protagonista-narrante si concentra molto s i personaggi, specialmente su Micol. E’ una storia d’amore racchiusa tra un giardino e un campo da tennis.

Questo romanzo è dedicato agli israeliti destinati a morire nei lager nazisti, specialmente a Micol considerata destinata a morire in un campo di concentramento tedesco.

Elsa Nierop

FRANKENSTEIN, di Mary Shelley

Filed under: Elsa Nierop — artistico Buniva @ 14:39
Tags: ,

Ho trovato questo libro molto interessante. Il linguaggio, nonostante sia un libro scritto agli inizi dell’Ottocento, è facilmente comprensibile e provoca un effetto gotico. La narrazione centrale è lenta, mentre alla fine è molto più scorrevole. Le descrizioni sono molto dettagliate, specialmente quelle del mostro. Le emozioni, le sensazioni ed i pensieri del protagonista Victor Frankenstein sono descritti in modo particolareggiato. Il libro inizia introducendo la fine e mi è piaciuta questa scelta dell’autrice; è scritto in prima persona e sembra quasi un diario del protagonista. Mi è piaciuta molto sia la trama che la descrizione dettagliata ed è un libro che consiglio a tutti.  

Elsa Nierop

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.