ROMANZI 2.0

2 febbraio 2014

LA LETTERA SCARLATTA, di Nathaniel Hawthorne

Filed under: Federica Lobascio — Roberto Ferraris @ 17:39
Tags: ,

“…col sole cocente del mezzodì che le avvampava il volto illuminandone la vergogna; col segno d’infamia scarlatto sul petto; col frutto del peccato fra le braccia..”
Il libro racconta di una donna, Hester Prynne condannata dopo aver commesso un gesto di infedeltà nella Boston del 1600, costretta a portare sul petto la “A” di Adultera in seguito alla nascita di sua figlia Pearl, la sua gioia ma nello stesso tempo la sua punizione.
Il libro sottolinea quanto la donna sia forte nonostante il giudizio della gente;: insegna che ognuno di noi dovrebbe essere se stesso ed inoltre espone l’amore della madre verso la figlia sebbene sia una creatura nata da un peccato. Onorevole l’atteggiamento di Hester nel difendere il padre della bambina non rendendolo mai colpevole ma assumendosi le proprie colpe davanti ad un intera popolazione che a prima vista può sembrare perfetta ma proseguendo si svela poco corretta e piena di segreti.
Ho trovato davvero molto interessanti e scorrevoli le parti in cui venivano descritte le sensazioni dei personaggi: è stato un buon libro e credo che Nathaniel Hawthorne abbia espresso con le migliori parole il modo di vivere, i pensieri e le emozioni di quell’epoca.

Federica Lobascio

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: